Prosegue a Caltagirone la vertenza degli operatori ecologici in forza alla ditta Aimeri ambiente che, da ormai una decina di giorni, manifestano un palese stato d’agitazione, per via del mancato pagamento degli stipendi di settembre e ottobre. S’inasprisce pure la posizione dell’amministrazione comunale, sia nei confronti della stessa «Aimeri», sia contro l’ex società d’ambito Kalat ambiente che, in relazione all’attuale gestione del servizio, ha preannunciato l’adozione di misure repressive nei confronti degli ambulanti del mercato del sabato, e non solo.